Domande frequenti

Scopri di più sul funzionamento di Citybility.

Tutte le risposte

Tutte le Associazioni e/o Fondazioni senza scopo di lucro che operano nei settori elencati all'articolo 2, comma 1, del decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 155.

L’esercente e il citybiliter, in maniera diversa.
L’esercente sceglie quale Non Profit sostenere. Il citybiliter, consultando l’applicazione e scegliendo l’esercente, decide di fatto quale progetto sociale sostenere tramite i suoi acquisti.

I citybiliter non sono pagati. Sono persone socialmente responsabili che scelgono di darsi da fare per gli altri, effettuando i loro acquisti presso gli esercizi commerciali iscritti a Citybility.

Può farlo. Semplicemente ne propone l’ingresso iscrivendola nell’area dedicata, facendo attenzione a compilare correttamente tutti i campi. Lo staff di Citybility verificherà in breve tempo la presenza di tutti i requisiti di legge e deciderà se pubblicare il nome e gli estremi dell’organizzazione sul sito, insieme a tutte le altre Non Profit accreditate. In fase di sperimentazione, questa opzione non sarà disponibile poiché il numero di Non Profit ammessee sarà limitato.

Citybility è una Startup Innovativa a Vocazione Sociale (SIaVS) e come tale per un periodo minimo di 4 anni non ha la possibilità di liquidare gli utili che devono essere così interamente reinvestiti. A decorrere dall’anno successivo Citybility s’impegna a versare ogni anno un importo pari al 50% dell'utile liquidato nell'esercizio precedente alle Non Profit registrate sulla piattaforma.
Il bilancio è consultabile sulla pagina della Startup innovativa ed è pubblicato contestualmente al deposito in Camera di Commercio.

Lo decide l’esercente.
Gli importi sono addebitati alla fine del mese e devoluti ai destinatari della beneficenza. Il citybiliter ovviamente non sostiene nessun costo per l’utilizzo di Citybility, e lo stesso vale per le Non Profit. Il costo finale per l’esercente è pari all’ammontare della donazione da lui stabilita, più la commissione del 3% sullo scontrino minimo.
(1% in via promozionale durante la fase di sperimentazione a Monza)

La transazione è registrata ogni volta che il citybiliter fotografa con l’applicazione il codice QR dell’esercente.
La foto del QR code consente a Citybility di ricevere e registrare la transazione e di provvedere agli addebiti previsti dall’offerta pubblicata dall'esercente.Per maggior sicurezza, l’esercente può attivare nel pannello di controllo la funzione “codice di conferma” grazie alla quale la transazione è confermata solo se il citybiliter ha inserito il PIN di 4 cifre fornito dallo stesso esercente.

Non lo è. Citybility consente all’esercente di decidere quanto è disposto ad investire per guadagnare nuovi clienti e aumentare la sua reputazione come sostenitore di progetti sociali.

Certamente. Uno dei possibili utilizzi della piattaforma è proprio questo.
Parla con gli esercenti che conosci e che potrebbero aiutarti a sostenere il tuo progetto sociale. Chiedi loro di iscriversi a Citybility e di sostenere il progetto che più ti sta a cuore. Invita poi i tuoi amici ad andare in questi negozi e chiedi loro di invitare ancora altri amici per aumentare le donazioni. In bocca al lupo!

Molto adatto. Citybility mette in contatto le piccole Non Profit attive sul territorio con gli esercenti e i citybiliter locali che possono avere più interesse di altri a sostenerle finanziariamente.




Scarica l'appfai del Bene, facendo shopping.

Scarica app per iOs Scarica app per Android